Peninsula Hotel, una nuova rivista online

Unisce data journalism, video, testi, illustrazioni e immagini: il primo numero è dedicato alle storie di cinque persone che stanno reinventando il "Made in Italy"

 

Sabato 27 settembre, alla Biennale di Venezia, è stato presentato il primo numero di Peninsula Hotel, una rivista multimediale che punta a unire data journalism, video, testi, illustrazioni e immagini.  Il primo numero della rivista è dedicato alle storie di persone che stanno reinventando il “Made in Italy”: professionisti, artigiani e pensatori che sono riusciti a superare la crisi con ingegno e a ridisegnare il concetto di creatività italiana. Secondo gli ideatori di Peninsula Hotel, il concetto di Made in Italy si è evoluto negli anni rispetto all’immagine tradizionale e oggi è rappresentato da nuovi mestieri per cui gli italiani sono riconosciuti all’estero: le storie illustrate sono quelle del fotoreporter Massimo Berruti, dell’illustratrice Olimpia Zagnoli, dell’interactive designer Orlando Festa, del libraio Filippo Nicosia e dell’imprenditrice Enrica Arena. Sono tutti nati in Italia fra il 1976 e il 1985, e hanno scelto di restarci. Ognuno di loro ha ottenuto riconoscimenti internazionali nei rispettivi campi.

Peninsula Hotel è stata progettata con l’obiettivo di diventare una rivista “interattiva” – che permetta una fruizione delle interviste non necessariamente lineare e continua, scelta dal lettore – e potenzialmente espandibile, per accogliere, nel tempo, nuove storie da connettere con le prime cinque. La homepage mostra brevi biografie dei protagonisti, tutti abbinati a un colore che serve a identificarli durante la navigazione. Sullo sfondo delle biografie scorrono le immagini in movimento degli intervistati, che vengono così presentati al lettore. Sui lati della homepage ci sono le diverse sezioni del sito: Introduzione, Interviste, Tempo, Luoghi, Contatti, Temi e Liste.

Nella sezione Interviste, il racconto di ogni protagonista è accompagnato da una timeline in cui è possibile visualizzare i temi affrontati. Quando vengono citate opere o simboli importanti per l’intervistato, questi – annunciati da un cursore lampeggiante e colorato – possono comparire cliccando sullo schermo. Nella sezione Tempo vengono visualizzati attraverso una mappa i momenti fondamentali della vita e della carriera dei protagonisti, riconoscibili attraverso il colore di appartenenza. La sezione può essere visualizzata anche mentre si stanno guardando i video: in questo caso si sovrapporrà alle immagini e sarà evidenziata solo la timeline dell’intervistato.

Nella sezioni Luoghi sono rappresentate le città e i Paesi più significativi per i protagonisti. Ogni tipologia di luogo è rappresentato da un simbolo, mentre i numeri indicano la quantità di luoghi rilevanti nelle varie aree geografiche. È possibile zoomare sulle zone in cui sono concentrati più luoghi significativi.  Nella sezione Temi le interviste-video sono state decostruite in base agli argomenti affrontati. I lettori possono ricomporre le interviste scegliendo solo i temi che preferiscono ascoltare, disegnando un nuovo percorso personalizzato che comparirà a forma di serpentone nella pagina.  Nella sezione Liste sono indicati tutti i libri, film e album preferiti dai protagonisti, navigabili per ordine alfabetico, data di pubblicazione, intervistato e categoria. L’obiettivo è di creare un archivio consultabile della cultura e dell’immaginario degli intervistati. Anche in questo caso, se la sezione viene aperta mentre si guarda il video, le scelte di chi stiamo ascoltando appariranno in evidenza.

Peninsula Hotel vuole così mostrare come le singole storie raccontate si articolino all’interno del contesto sociale e culturale dell’Italia degli ultimi 30 anni. È possibile vedere come riferimenti comuni – cinema, musica, letteratura, viaggi, esperienze scolastiche – abbiano influenzato i cinque protagonisti.

Il progetto di Peninsula Hotel è un’idea dei giornalisti Serena Danna e Andrea Marinelli, dei designer Giorgia Lupi e Gabriele Rossi e della fotografa e fondatrice di Humboldt Books Giovanna Silva con la collaborazione di Stefania Scarpini. La piattaforma web è stata ideata, progettata e sviluppata dall’agenzia di information design Accurat e realizzata in collaborazione con TIM. Le riprese e il montaggio video sono stati curati da Masiar Pasquali. Peninsula Hotel è un progetto in divenire, che sarà arricchito di nuove storie, focus tematici e nuove modalità di navigazione e fruizione dei contenuti.

Mostra commenti ( )