• Mondo
  • domenica 8 giugno 2014

La “torre umana” a Roma per chiedere il referendum sull’indipendenza della Catalogna

E in altre città d'Europa, dove decine di ragazzi catalani si sono riuniti per formare i “castells”, i castelli umani che possono raggiungere anche i 9-10 “piani” di persone

Domenica 8 giugno, intorno alle 12, alcuni ragazzi catalani si sono riuniti nella zona del Gianicolo, in piazza Garibaldi a Roma, per formare insieme una “torre umana” per promuovere il referendum sull’indipendenza della Catalogna – la comunità autonoma spagnola – inizialmente previsto per il 9 novembre 2014 ma riguardo al quale il parlamento spagnolo aveva votato contro nello scorso aprile. Il referendum dovrebbe stabilire se la Catalogna diventerà uno stato indipendente, staccandosi quindi dalla Spagna. I “castells” – come vengono definiti in catalano questi castelli umani – sono una delle manifestazioni culturali tipiche della tradizione catalana: possono raggiungere anche i 9-10 “piani” di persone e vengono riproposti in Catalogna in occasione di numerose feste tradizionali. Nel 2010 sono stati dichiarati dall’UNESCO uno dei patrimoni “orali e immateriali” dell’umanità. Altri castelli umani sono stati formati oggi, alla stessa ora e con le stesse motivazioni, in altre città d’Europa tra cui Lisbona, Barcellona, Parigi, Londra, Berlino, Bruxelles e Ginevra.

Lo scorso settembre centinaia di migliaia di persone avevano manifestato formando una lunghissima catena umana, di circa 400 chilometri in tutta la comunità autonoma spagnola, per chiedere l’indipendenza da Madrid.

Mostra commenti ( )