Col monitor verticale si naviga meglio?

Un giornalista di Mashable ha provato a girare lo schermo del suo computer di 90 gradi e ha detto che non tornerà più indietro

Jason Abruzzese, un redattore di Mashable, ha deciso qualche giorno fa di ruotare di 90 gradi il monitor del suo computer e provare a usarlo così; poi ha scritto una recensione entusiasta della sua scelta, intitolata “La stai guardando nel verso sbagliato. Perchè Internet ha bisogno di schermi verticali“, spiegando i motivi per cui non tornerà più indietro «all’epoca buia degli schermi orizzontali».

Secondo Abruzzese ci sono diversi buoni motivi per preferire lo schermo verticale: in primo luogo la maggior parte dei siti web sono strutturati in verticale e li navighiamo dall’alto verso il basso; visualizzarli su uno schermo orizzontale ce ne mostra solo una piccola porzione, ci costringe a “scrollare” di più e spesso lascia ampie zone vuote a sinistra e a destra dello schermo; girare lo schermo in verticale, dunque, risolve tutti questi problemi e rende la navigazione online istantaneamente più semplice ed intuitiva. D’altra parte milioni di persone ogni giorno utilizzano monitor verticali, senza farci caso più di tanto: gli smartphone e i tablet.

Partendo da una foto scattata da Jason Abruzzese alla sua scrivania, abbiamo provato a vedere la resa di alcuni siti di news, italiani e internazionali, su uno schermo verticale.

Abruzzese spiega che lo schermo verticale è comodo anche per usare programmi di scrittura e in generale per lavorare: «a me piace poter vedere il più possibile della pagina che sto scrivendo. Mi permette di guardare indietro più velocemente a tutto quello che ho scritto. Mi rimane dello spazio in basso per delle note e in generale mi fa lavorare meglio. Inoltre trovo molto più semplice usare tante finestre aperte quando posso averle una sopra l’altra, piuttosto che una di fianco all’altra. Infine, la ristrettezza mi obbliga ad aprire meno schede sul browser, una pratica orribile che in genere distrugge la mia capacità di finire un lavoro in un tempo ragionevole».

Nel suo articolo, Abruzzese nota come il modo in cui tradizionalmente abbiamo sviluppato i contenuti è in orizzontale. Dalle pitture rupestri della preistoria, la cui narrazione si sviluppa in orizzontale piuttosto che in verticale, alla maggior parte degli affreschi nelle chiese, la situazione è molto simile: le immagini si sviluppano da sinistra verso destra. Con l’arrivo di Internet, tuttavia, questo nostro modo di procedere è improvvisamente cambiato: fin dall’inizio i contenuti online si sono sviluppati prevalentemente in verticale, dall’alto verso il basso; anche scrollare con il mouse è più intuitivo e facile quando ci si muove su documenti in verticale piuttosto che in orizzontale.

Nonostante navigare su internet sia la cosa per cui la maggior parte delle persone usa il computer, questi sono stati progettati quando ancora Internet non esisteva o, almeno, costitutiva una parte marginale delle cose che si facevano con un computer. Probabilmente gli schermi dei computer furono pensati in orizzontale facendoli derivare da quelli delle calcolatrici, oppure in analogia a quelli delle televisioni (che a loro volta erano orizzontali, in analogia ai palchi dei teatri), e sono rimasti tali fino a oggi. Nel suo articolo, Abruzzese – che spiega anche di non essere stato il primo ad avere un’idea del genere – paragona scherzosamente la prima persona che ha girato uno schermo in verticale a quella che, per la prima volta, si è seduta su una sedia al contrario o alla prima persona che per la prima volta ha usato una racchetta da tennis facendo finta che fosse una chitarra: «visionari che si sono resi conto che degli oggetti di tutti i giorni avessero dei destini più nobili».

Come riconosce lo stesso Abruzzese, tuttavia, ci sono alcuni svantaggi: su tutti il fatto che la porzione più alta dello schermo si trova parecchio in alto, in una posizione che ne rende la lettura parecchio scomoda. Anche per guardare i film o le serie tv, inoltre, lo schermo verticale è proprio inadeguato. Anche per giocare al computer non è un’ottima idea, «a meno che tu stia giocando a Tetris o Dig Dug».

Mostra commenti ( )