mark-zuckerberg-gay-parade

Facebook e l’identità di genere

Il social network ha aggiunto oltre 50 nuove opzioni oltre alle tradizionali "uomo" o "donna", ricevendo molti apprezzamenti dalla comunità LGBT

mark-zuckerberg-gay-parade

Facebook ha aggiunto oltre 50 nuove opzioni tra le quali ogni iscritto può scegliere per indicare la propria identità di genere. La modifica per ora interessa la versione statunitense del social network e porta quindi una serie molto più ampia di indicazioni tra cui scegliere, oltre i tradizionali “uomo” e “donna”. Facebook ha spiegato di avere collaborato con diverse associazioni di persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) per preparare la nuova lista, all’interno della quale è possibile scegliere anche più di una identità di genere.

La lista, in inglese, comprende queste opzioni:

– Agender
– Androgyne
– Androgynous
– Bigender
– Cis
– Cisgender
– Cis Female
– Cis Male
– Cis Man
– Cis Woman
– Cisgender Female
– Cisgender Male
– Cisgender Man
– Cisgender Woman
– Female to Male
– FTM
– Gender Fluid
– Gender Nonconforming
– Gender Questioning
– Gender Variant
– Genderqueer
– Intersex
– Male to Female
– MTF
– Neither
– Neutrois
– Non-binary
– Other
– Pangender
– Trans
– Trans Female
– Trans Male
– Trans Man
– Trans Person
– Trans Woman
– Transfeminine
– Transgender
– Transgender Female
– Transgender Male
– Transgender Man
– Transgender Person
– Transgender Woman
– Transmasculine
– Transsexual
– Transsexual Female
– Transsexual Male
– Transsexual Man
– Transsexual Person
– Transsexual Woman
– Two-Spirit

Il sistema suggerisce le possibili identità di genere cui si è interessati man mano che si compila il campo corrispondente nel proprio profilo, e propone anche di scegliere il pronome preferito.

genere-fb

Oltre a scegliere la propria identità di genere, ogni iscritto può decidere con chi condividere la propria scelta, escludendo alcuni gruppi di propri amici o rendendo del tutto pubblica l’informazione, come hanno spiegato i responsabili di Facebook:

Ci rendiamo conto che alcune persone hanno problemi a condividere la loro identità di genere con gli altri, e questa impostazione dà la possibilità a ognuno di esprimere sé stesso in modo sincero.

Facebook negli ultimi anni è diventata una delle società più attente alle questioni legate alla comunità LGBT, così come hanno fatto numerose altre aziende della Silicon Valley come Google, Apple e Twitter. Il social network era comunque stato criticato in diverse occasioni per offrire solo “uomo” o “donna” nell’indicazione della propria identità di genere. La novità è stata accolta molto positivamente dalle principali associazioni LGBT che si erano occupate del problema.

Per ora la scelta dell’identità di genere estesa può essere effettuata solo utilizzando la versione in inglese (Stati Uniti) del social network. Facebook confida di introdurre la stessa opzione nelle sue altre versioni nel corso dei prossimi mesi, ma sarà necessario un po’ di tempo per gli aggiustamenti tecnici.

foto: il CEO di Facebook, Mark Zuckerbeg, al Gay Pride di San Francisco nel 2013

Mostra commenti ( )