L’estasi del bosco

Bellissime foreste e boschi diventano metafora di fuga dal caos e dal rumore della città contemporanea

© Daniel Kovalovszky

Daniel Kovalovszky, Green Silence

Dal 2011 il fotografo ungherese Daniel Kovalovszky fotografa boschi e foreste con l’idea di cercare e documentare ambienti caratterizzati dalla quiete e dalla tranquillità. Il vasto catalogo si intitola Green Silence e mostra questi luoghi nella loro immobilità lontana dalla frenesia della città e dei luoghi affollati.

Quello che interessa a Kovalovszky è raccogliere con grandi immagini fotografiche attente all’estetica e alla composizione le relazioni nascoste e i piccoli cambiamenti della natura che lentamentente si trasforma. Con l’immagine fotografica prova a evocare sentimenti, sogni, desideri e domande e il racconto diventa parte dell’esperienza del fotografo che nel raccogliere queste immagini “evade” dall’ansia e dal rumore della città.

Daniel Kovalovszky dal 2007 è un fotografo free lance. Ha studiato fotografia alla scuola di Budapest e presso l’Hungarian Press Photo. La serie di fotografia Green Silence ha vinto diversi premi e attualmente è esposta presso la George Eastman Hall della Hungarian House of photography, un’importante istituzione che dal 2008 si occupa di fotografia.

Mostra commenti ( )