• Cultura
  • martedì 26 novembre 2013

“Masters of Sex”, spiegato

Di cosa parla la serie tv americana del momento, a partire dalla storia vera di due famosi sessuologi tra gli anni Cinquanta e Sessanta

Le dure critiche al loro lavoro degli ultimi anni misero in crisi anche il loro matrimonio: divorziarono nel 1992, pur rimanendo in buoni rapporti e continuando a collaborare. La loro separazione fu vista però come un evento clamoroso, perché riguardava proprio le due persone che avevano risolto i problemi sessuali di migliaia di coppie e spianato la strada a tutte le moderne terapie di risoluzione dei problemi collegati al sesso. Il Masters and Johnson Institute fu chiuso due anni dopo il loro divorzio. William Masters morì nel 2001, a 85 anni, per le complicazioni del morbo di Parkinson; Virginia Johnson è morta il 24 luglio di quest’anno a 88 anni. Nonostante avessero perso credibilità negli ultimi anni, i due restano a tutti gli effetti dei pionieri: l’influenza del loro lavoro sui costumi culturali e soprattutto sull’emancipazione sessuale femminile è considerata indiscutibile.

Cosa racconta la serie televisiva
La serie si svolge per lo più all’interno dell’ospedale dove lavorano Masters e Johnson, interpretati da Michael Sheen e Lizzy Caplan. Sheen è un attore gallese noto soprattutto per aver interpretato Tony Blair in ben tre film e il giornalista David Frost nel film Frost/Nixon – Il duello; Lizzy Caplan si fece notare nel 2004 con Mean Girls e da allora ha lavorato soprattutto in televisione. Tra i personaggi secondari ci sono poi Caitlin Fitzgerald nel ruolo di Libby Masters, moglie di William; Beau Bridges, che interpreta il rettore Barton Scully, sposato ma segretamente gay; Teddy Sears e Nicholas D’Agosto che interpretano rispettivamente Austin Langham e Ethan Haas, due medici che lavorano nell’Università. La serie racconta l’evoluzione delle ricerche nel laboratorio del dottor Masters ma anche le loro vite private: il sesso è sempre molto presente, essendo il tema principale, ma non raccontato in modo pruriginoso e non è l’elemento fondamentale della serie. L’estetica e le apprezzate ricostruzioni storiche della serie rimandano molto a quelle di Mad Men. A ottobre lo show è stato rinnovato per un’altra stagione, dopo essere piaciuto molto sia agli spettatori che alla critica.

Le critiche e la critica
“Masters of Sex” ha ricevuto però anche diverse critiche. Secondo alcuni, per esempio rappresenterebbe in chiave “positiva” una serie di temi che nel tempo sono stati fortunatamente rivisti ma che allora erano indiscutibili, come la sacralità della verginità, l’assoluta amoralità dell’omosessualità e il ruolo secondario della donna nella società. Chi difende la serie dice che questa attitudine della serie è frutto dell’attenta e fedele ricostruzione delle convenzioni sociali e culturali dell’epoca: per quanto possano sembrare oggi eticamente discutibili, all’epoca erano la “normalità”.

Altri hanno invece criticato la ricostruzione del personaggio di Virginia Johnson: nella serie è una donna affascinante, a suo agio in ogni situazione e che cresce da sola due figli, cosa che per l’epoca sarebbe stata scandalosa e a cui lei invece non dà nessuna importanza. Ma soprattutto Virginia conosce il suo corpo e sa cosa le piace, nella vita e soprattutto nel sesso: una caratteristica che naturalmente colpisce e piace molto agli spettatori, ma che probabilmente non avrebbe suscitato la stessa ammirazione a St. Louis, Missouri, negli anni Cinquanta. Inoltre, come spiega Michelle Dean sul New Yorker, non sono da sottovalutare le implicazioni sessuali del rapporto tra lei e il dottor Masters: Johnson, nella biografia di Maier, spiega infatti che era stato lui per primo a voler avere dei rapporti sessuali, principalmente per la ricerca, e che anche se non era mai stata costretta ad accettare all’inizio aveva visto la cosa come l’unica condizione implicita per poter continuare quel lavoro al quale teneva così tanto. Questo particolare, per esempio, nella serie è trattato in maniera quasi scherzosa.

Secondo Dean il personaggio di Virginia appiattisce le possibilità drammatiche della serie rispetto per esempio a Mad Men, dove la rappresentazione delle donne è sempre giocata sull’ambivalenza, tanto da far spesso provare avversione per il modo in cui vengono trattate o per il loro modo di comportarsi. Virginia invece, sempre secondo Dean, non fa mai un passo falso, non si cura del giudizio degli altri, non ha mai un’indecisione e sembra non pentirsi mai di niente. Eppure anche questa critica sembra vera solo a metà: quasi tutti i personaggi della serie mostrano invece molte ambivalenze e possono essere visti attraverso diversi punti di vista.

Virginia è coraggiosa e anticonformista – forse troppo per l’epoca, è vero, e forse troppo diversa dalla vera Virginia Johnson – ma è anche una madre insicura, che spesso dichiara la propria incapacità e che altrettanto spesso si dimostra servile nei confronti di Masters. Masters mostra l’ambivalenza ancora meglio: è ambizioso, conscio dei propri mezzi e coraggioso nella sua convinzione di voler andare avanti con la ricerca, ma è anche un uomo sterile che non riesce a soddisfare sessualmente sua moglie. O ancora, è l’uomo che incarna tutta la violenza del potere maschile nel momento in cui tratta con durezza Virginia o quando ricatta il rettore, della cui omosessualità è venuto nel frattempo a conoscenza, per ottenere i fondi per continuare i suoi studi. Secondo molti è questa, in fin dei conti, la ragione per cui la serie piace molto negli Stati Uniti: tratta un tema che riguarda tutti e lo fa raccontando la storia di chi per primo pensò che fosse importante parlare di quel tema, il sesso.

« Pagina precedente 1 2
Mostra commenti ( )