• Mondo
  • sabato 16 novembre 2013

La storia di Batkid

Venerdì 15 novembre Miles Scott, un bambino di 5 anni malato di leucemia, ha potuto impersonare un supereroe grazie alla fondazione Make-a-Wish. Vestito con un costume da “Batkid” e accompagnato da un attore che impersonava Batman, Miles è stato portato in giro per tutta la città di San Francisco per risolvere “crimini” e arrestare i “super-criminali” del fumetto. Della storia si è parlato moltissimo su tutti i social network e se ne sono occupati quasi tutti i principali giornali del mondo. Il Guardian, ad esempio, gli ha dedicato un articolo seriosamente scherzoso, mentre Slate ha raccolto alcune delle foto e dei tweet più particolari della giornata.

La giornata di Miles è cominciata con una finta chiamata d’aiuto da parte della polizia di San Francisco. Poco dopo è stato prelevato da “Batman” e portato, su un auto simile a una Batmobile, sul luogo dove una donna era state legata ad una finta bomba a tempo.

Dopo aver salvato la donna, Batkid ha arrestato l’Enigmista (uno degli storici nemici di Batman) mentre tentava una rapina. Subito dopo ha catturato un altro super-criminale, il Pinguino, che aveva rapito la mascotte dei San Francisco Giants, la squadra di baseball della città. Alla fine della giornata, Miles ha ricevuto dal sindaco di San Francisco, Ed Lee, le chiavi della città.

La fondazione Make-a-Wish è un’organizzazione che cerca di esaudire i desideri di bambini gravemente malati. Nelle scorse settimane, la fondazione aveva chiesto a tutti gli abitanti della città di aiutarli ad esaudire il desiderio di Miles: essere un supereroe per un giorno. Circa 15 mila persone hanno partecipato alla messa in scena, tra cui giornalisti, poliziotti e moltissimi attori. Il San Francisco Chronicles ha pubblicato una finta prima pagina sulle imprese di Batkid.

 

Anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha partecipato, inviando a Miles un breve video tramite il servizio Vine, dove si congratula con lui per aver salvato Gotham City.

Mostra commenti ( )