cancellieri-ligresti
  • Italia
  • venerdì 1 novembre 2013

Il caso Cancellieri

Cosa è successo, dall'inizio: il ministro della Giustizia dice di essere intervenuta per la scarcerazione di Giulia Ligresti e di non aver fatto nulla di male

cancellieri-ligresti

Molti giornali di oggi si occupano in prima pagina del presunto intervento del ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri in favore della scarcerazione di Giulia Ligresti, avvenuta lo scorso 28 agosto. È una vicenda che sta avendo gravi conseguenze: alcuni gruppi parlamentari, tra cui il Movimento 5 Stelle, hanno chiesto le dimissioni del ministro, che da parte sua ha risposto ieri con una lettera ai capigruppo di Camera e Senato.

Tra i due principali quotidiani nazionali ci sono parecchie differenze nella copertura della notizia: Repubblica ci fa il titolo di prima pagina e l’apertura del giornale, mentre sul Corriere la notizia ha molto meno spazio in prima pagina e all’interno è trattata solo a pagina 21.

L’arresto di Giulia Ligresti
Il 17 luglio 2013 le indagini su Fondiaria-SAI avevano portato a sette misure di custodia cautelare, nei confronti dell’imprenditore e finanziere Salvatore Ligresti, dei suoi tre figli e di tre ex dirigenti della società. Salvatore Ligresti, che è 81enne, andò ai domiciliari, mentre le sue figlie Jonella e Giulia Maria furono trasferite in carcere. Il terzo figlio Gioacchino si trovava (e da allora è rimasto) in Svizzera, dove ha una villa nei pressi di Lugano e dove aveva ottenuto la cittadinanza pochi giorni prima degli arresti.

L’inchiesta di Torino era partita nell’estate del 2012 e non è l’unica che riguarda la famiglia Ligresti: quella più celebre fino agli arresti di luglio è della procura di Milano e riguarda Premafin, la società finanziaria che controlla FonSAI, nel cui ambito sono già stati effettuati diversi sequestri e perquisizioni negli ultimi mesi. Per tutti e sette, l’accusa che ha portato agli arresti di luglio era di false comunicazioni sociali e riguardava il bilancio del 2010 di FonSAI: avrebbero nascosto la mancanza di circa 600 milioni di euro dalle riserve assicurative della società (precisamente dalla cosiddetta riserva sinistri), comunicando quindi al mercato notizie false sul bilancio dell’azienda. L’obiettivo era evitare conseguenze negative sul titolo di FonSAI, quotata in borsa e in difficoltà da parecchi anni. Attualmente si sta completando la sua vendita al gruppo Unipol.

Giulia Ligresti rimase in carcere circa un mese e mezzo: fu scarcerata il 28 agosto 2013 e le furono concessi gli arresti domiciliari, dopo una perizia medica disposta il 22 agosto dalla procura di Torino. Il 3 settembre successivo Giulia Ligresti ha patteggiato la pena di due anni e otto mesi, sentenza non ancora definitiva, ed è uscita dagli arresti domiciliari il 19 settembre.

Le telefonate
Giovedì 31 ottobre l’agenzia di stampa ADNKronos e il quotidiano La Repubblica hanno riportato il contenuto di alcune intercettazioni (qui riportate in PDF) che sono state fatte dalla Guardia di Finanza di Torino nel corso di un’indagine per falso in bilancio che riguarda FonSAI, la società della famiglia Ligresti nel settore delle assicurazioni.

Le telefonate al centro del caso sono diverse. Nella prima, che risale al pomeriggio dello stesso 17 luglio, Anna Maria Cancellieri chiama Gabriella Fragni, compagna di Salvatore Ligresti, e le esprime la propria solidarietà per quanto sta succedendo alla sua famiglia, con toni di grande vicinanza. In questa prima telefonata Cancellieri pronuncia la frase, in realtà piuttosto generica, “qualsiasi cosa io possa fare conta su di me”.

Le altre telefonate, di cui non sono stati resi pubblici i contenuti, sono avvenute tra il 17 e il 19 agosto del 2013. Riguardano sia Gabriella Fragni e il cognato Antonino Ligresti, che parlano di “un’amica” che potrebbe intervenire nella questione (il 17 agosto il Corriere parlò di un rifiuto del giudice per le indagini preliminari di scarcerare Giulia Ligresti per motivi di salute) sia alcune chiamate tra Antonino Ligresti e il numero di Anna Maria Cancellieri. Così riassume Repubblica, in un articolo firmato da Ottavia Giustetti:

Chiamata direttamente da Antonino, il ministro della Giustizia risponde, e si attiva. Parla con i due vice capi di dipartimento del Dap, il Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria, per “sensibilizzarli” sul fatto che Giulia Maria Ligresti soffre di anoressia.

Cancellieri è già stata sentita sulla questione il 22 agosto dal procuratore aggiunto di Torino Vittorio Nessi. Repubblica cita i verbali:

Il ministro Cancellieri davanti al magistrato torinese, pochi giorni dopo, racconta cosa è successo poi: “Effettivamente ho ricevuto una telefonata da Antonino Ligresti che conosco da molti anni. Ligresti mi ha rappresentato la preoccupazione per lo stato di salute della nipote Giulia Maria la quale, soffre di anoressia e rifiuta il cibo. In relazione a tale argomento ho sensibilizzato i due vice capi di dipartimento del Dap, Francesco Cascini e Luigi Pagano, perché facessero quanto di loro stretta competenza per la tutela della salute dei carcerati”.

I giornali stanno anche sottolineando che tra la famiglia Ligresti e Anna Maria Cancellieri ci sono rapporti di amicizia che durano da molti anni. Oltre alle amicizie personali, il figlio del ministro Piergiorgio Peluso fu brevemente direttore generale della FonSAI dei Ligresti per circa un anno tra il 2011 e il 2012, mentre la società era già in difficoltà. Al termine del periodo in FonSAI avrebbe ricevuto una buonuscita stimata in alcuni milioni di euro.

La lettera di Cancellieri
Anna Maria Cancellieri ha 70 anni ed è l’attuale ministro della Giustizia, dopo essere stato il ministro dell’Interno del governo Monti. Ha una lunga carriera nell’amministrazione dello Stato e negli ultimi trent’anni è stata prefetto e commissario prefettizio in diverse città italiane. Si è detto spesso che Giorgio Napolitano la apprezzasse particolarmente e si fece il suo nome tra i possibili candidati alla presidenza della Repubblica (era la candidata di Scelta Civica).

Per rispondere alle accuse che sono arrivate nelle ultime ore e alle molte richieste di dimissioni, per esempio da parte del M5S (ma posizioni critiche sono state espresse anche da esponenti di SEL e PD, mentre altri esponenti del PD hanno difeso il ministro) Cancellieri ha inviato ieri una breve lettera ai capigruppo di Camera e Senato in cui si dice pronta a riferire in parlamento e non nega di essere intervenuta nella vicenda:

Nel caso di Giulia Ligresti, avverto l’esigenza di precisare il senso e i limiti del mio intervento, non appena avuta conoscenza, per via diretta, delle condizioni psicofisiche della ragazza.

Era mio dovere trasferire questa notizia agli organi competenti dell’Amministrazione Penitenziaria per invitarli a porre in essere gli interventi tesi ad impedire eventuali gesti autolesivi.

Mi sono comportata, peraltro, nello stesso modo quando sono pervenute al mio Ufficio segnalazioni, da chiunque inoltrate, che manifestassero preoccupazioni circa le condizioni sullo stato psicofisico di persone in stato di detenzione.

Intervenire è compito del Ministro della Giustizia.

Anche la procura di Torino è intervenuta ieri con una nota firmata dal procuratore capo Gian Carlo Caselli che definisce “arbitraria e del tutto destituita di fondamento ogni illazione che ricolleghi la concessione degli arresti domiciliari a circostanze esterne di qualunque natura”.

Il ministro Cancellieri alla Camera durante un question time del 17 luglio 2013.
Foto: Mauro Scrobogna / LaPresse

Mostra commenti ( )