battistibatteria1web

Un po’ di canzoni di Lucio Battisti

Coetaneo quasi perfetto dell'altro Lucio, oggi avrebbe compiuto 70 anni

Oggi, 5 marzo 2013, Lucio Battisti avrebbe compiuto 70 anni. Coetaneo quasi perfetto dell’altro Lucio (erano nati nello stesso anno, a distanza di un giorno) è morto molti anni prima, in un giorno di settembre a Milano, nel 1998. Di Battisti ognuno ha le sue canzoni preferite, noi vi proponiamo quelle scelte da Luca Sofri, il peraltro direttore del Post, per il suo libro Playlist.

Lucio Battisti
(1943, Poggio Bustone, Rieti – 1998, Milano)
Lucio Battisti è stato ed è il più grande di tutti nella musica pop italiana: nella musica “leggera”. Le ha provate tutte, e gli sono riuscite tutte. Si potrebbe riempire un juke-box solo con le sue canzoni migliori. Ed era così bravo da averci resi familiari e tollerabili anche dei versi che sarebbero stati imbarazzanti in bocca a chiunque altro. Adesso non c’è più.

Per una lira
(Lucio Battisti, 1969)
Fu il primo 45 giri del nostro, di grande richiesta nel giro dei collezionisti (fu stampato in poche copie per dargli un contentino quando era ritenuto solo un buon autore per altre voci: i maggiori investimenti vennero spesi, per esempio, nell’esecuzione della stessa canzone da parte dei Ribelli). Ci sono già quelle trovate soul che avrebbe usato spesso negli anni a venire.

I giardini di marzo
(Umanamente uomo: il sogno, 1972)
In fondo all’anima c’è l’immensi, avevo sempre capito io da bambino, ligio agli schemi scolastici soggetto-verbo-complemento (o viceversa, in questo caso). Invece dice “cieli immensi”, come avevate capito benissimo voialtri saputoni.

E penso a te
(Umanamente uomo: il sogno, 1972)
Tra i molti talenti della coppia Mogol-Battisti, c’era una rara passione per la scrittura dei dialoghi. Pensate a “Fiori rosa, fiori di pesco”, a “Innocenti evasioni”, ad “Anche per te”, ad “Ami ancora Elisa” e a “Perché no”. “E penso a te” fu prima un trascurato b-side di Bruno Lauzi, e poi una trascurabile cover di Tanita Tikaram: in mezzo, questa straordinaria canzone d’amore, spiazzata dal leggendario “para-para-parappa-pa”, frutto dell’arrangiamento di Gian Piero Reverberi.

La luce dell’est
(Il mio canto libero, 1972)
Malgrado il titolo evochi il sol dell’avvenire (anche nel “sole rosso acceso”), lei resta al suo posto oltre cortina – con tanto di “colpo di fucile” – e anche questa canzone divenne un indizio a carico delle presunte ispirazioni di destra di Battisti (insieme al “bosco di braccia tese” in “La collina dei ciliegi”).

Vento nel vento
(Il mio canto libero, 1972)
Con quell’inusuale attacco di pianoforte, è una delle canzoni più amate dai fans di Battisti. Il passaggio orchestrale è stato poi ripreso da De Gregori in “La leva calcistica della classe ’68”. Alla prima puntata di ogni anno, certi conduttori radiofonici sono soliti dedicare ai tecnici il verso “e la stagione nuova, dietro al vetro…”.

1 2 3 Pagina successiva »
  • brassy

    Ma siamo pazzi? Solo un Lucio Panella… Capisco che E già non è per tutti, ma i veri capolavori sono i dischi bianchi

    • Lorenzo

      I veri fan di Lucio Battisti hanno solo i dischi fino a Una giornata uggiosa.
      Beh io ho anche i successivi, ma nascosti.

      • brassy

        Semmai quelli sono i fan di Mogol. Occhio a non confondere, come si fa pure nell’articolo.

    • floris

      la prima cosa che ho fatto appena aperto l’ articolo è stata andare a pagina 3 per vedere che c’ era

  • http://www.facebook.com/roberto.ruffoni.7 Roberto Ruffoni

    solo un pezzo del periodo Panella? beh il Post si conferma avanguardia pura….

  • davipedri

    come non mettere ‘la collina dei ciliegi’???

  • VincenZ

    la produzione migliore di Battisti , il suo culmine e’ “Anima Latina”

  • fp57

    vento nel vento nel vento nel vento

  • kenzokabuto

    L’unico Battisti che conta è del periodo Panella e tu Post e tu peraltro direttore, dovevi calibrare meglio, va bene che è un’operazione soggettiva ma se è soggetività col fiato corto come questa possiamo anche farne a meno che tanto non aggiunge nulla.
    L’ultimo Battisti con un colpo di genio pazzesco mette in atto una fenomenale decostruzione di ciò che esso stesso aveva rappresentato durante la carriera a braccetto con Mogol, ovvero la facile poetica dei testi da chitarra davanti al fuoco in spiaggia.

    • Mario De Persis

      “L’unico Battisti che conta…” non si può sentire. La traccia forte che ha lasciato è quella POP e leggera, come fare a negarlo?

      • kenzokabuto

        Vabbè, facciamo che mi sono dimenticato un pezzo e che volevo dire “L’unico Battisti che conta a mio parere” sperando che sia ancora possibile esprimere propri pareri. La “traccia forte” di cui parli è quella più popolare e, scusa, superficiale. Quindi se parliamo di successo e popolarità si, hai ragione, quella di Mogol è nettamente più “forte”.
        A mio parere, ma attenzione, a mio parere, quella di Panella ha una valenza artistica inconfrontabile con quello fatto in precedenza.

        • Mario De Persis

          non sarò certo io a negarti l’espressione di un parere, figuriamoci.
          I’associazione popolare=superficiale però è presuntuosa, secondo me.

  • lorenzo restelli

    C’è l’immensi! Tutto vero. Flic floc

  • Lorenzo

    Mi sento di consigliare Il veliero, la conoscono pochi ma è una delle mie preferite:
    http://www.youtube.com/watch?v=nGv2Ldkd4D8

  • Lemkin

    Ottime scelte, soprattutto per il rilievo dato a due pezzi del vero capolavoro battistiano (e IMO una delle vette della musica italiana tout court), Anima Latina (di cui però i pezzi migliori restano per me la title track, Anonimo e Macchina del tempo).
    Personalmente avrei aggiunto anche “Il mio canto brasileiro” e qualcosa in più del periodo bianco (almeno “Don Giovanni” e “Le cose che pensano”).
    Menzione d’onore anche per i quattro meravigliosi pezzi strumentali di “Amore e non amore”, con i loro titoli estremamente suggestivi e delle soluzioni vagamente preconizzanti il post rock.
    Molto bello anche, per chi non lo conoscesse, l’inedito “Il gabbianone”.

    • fp57

      grazie di cuore per LE COSE CHE PENSANO. Si entra talmente dentro le sue canzoni che il nome, il titolo, sfugge, e’ secondario. L’avevo in mente ma senza il tuo aiuto non l’avrei ritrovata.

      • fp57

        il recupero del passato remoto e la ricchezza del lessico mi fanno sentire la bellezza della lingua italiana. M’estasiai
        ogni cosa e’ illuminata

    • fp57

      l’attacco di le cose che pensano ripreso da Dalla?

    • fp57

      ho scritto in modo ambiguo: Dalla ha copiato l’attacco di Le cose che pensano?
      mi dici che ne pensi?

      • Lemkin

        A mio disdoro devo confessare che non conosco molto bene Dalla, solo i pezzi più famosi e “Come è profondo il mare”.

        • fp57

          Di Dalla (che non mi piace) conosco poco . L’attacco di “Caruso” (credo sia il titolo) di Dalla e’ lo stesso di Le cose che pensano. se ti va di sentirla mi piacerebbe una tua opinione

  • ab

    “come puo’ uno scoglio arginare il mare?”

  • Gaetano Martorano

    neanche una sbagliata; ma anche molte altre.

  • pendolare

    ma farvi un cappero di account su youtube e creare una playlist? sto chiedendo troppo?

  • fp57

    avendo versato fiumi di lacrime ringrazio IL POST per questo regalo.
    un po’ meglio o no del MONONOTA concettuale di Elio raffinato pensatore (di sinistra?)

  • fp57

    Battisti, non ti ho mai veramente dimenticato. sei nel cuore

  • gP

    Qui, oggi, non si celebrano Rapetti e neppure Panella, che per quanto illuminati non vivono di luce propria e devono tutto allo svavillante talento di Lucio Battisti.
    Dio quanto mi manca.

  • floris

    Ecco, lo dico: chissà davvero cosa ci siamo persi.
    Chissà cosa ci avrebbe regalato un artista di questo livello che aveva scelto la via della sperimentazione continua.
    Ogni volta che ci penso mi arrabbio un po’.

    • fp57

      la vedo esattamente al contrario

    • brassy

      È proprio così, nel mia mente esiste il disco di Lucio Battisti senza Lucio Battisti, ed è capolavoro.

  • fp57

    l’altro lucio non mi e’ mai e poi mai piaciuto troppe cose insieme per essere un artista
    secondo me

  • Barlafuzzy

    “Anima latina” capolavoro indiscusso.

    • gP

      +1 (e ipazzisonoisaggieviceversaormai)

  • fp57

    non e’ francesca piu’ bella di ami ancora elisa

  • fp57

    le parole universalmente significative al pari di quelle dei pochi grandi

  • piti

    Io mi innamorai ragazzino di una compagna di classe sulle note del Mio canto libero. Dopo molte vicissitudini, colei ora è (ehm) mia. E tanto basti per dire cosa significhi Battisti per me.

    • fp57

      che bel pensiero TVB

      • piti

        Beh, grazie!