belsito2

11 nuove cose sul caso Belsito

Le intercettazioni dell'ex tesoriere della Lega Nord, i trasferimenti di denaro "illogici" e il presunto uso dei fondi pubblici per diplomi, lauree, macchine e case

Da tre giorni la Lega Nord è al centro di una serie di indagini giudiziarie che riguardano, tra le altre cose, la gestione dei rimborsi elettorali del partito da parte del suo ex tesoriere Francesco Belsito. Tra le ipotesi di reato ci sono l’appropriazione indebita per milioni di euro, la truffa ai danni dello Stato e il riciclaggio di denaro. Il caso è seguito dalle procure di Milano, Napoli e Reggio Calabria, che stanno indagando sui movimenti di denaro effettuati negli anni da Belsito e su possibili legami dello stesso con ambienti della criminalità organizzata. In questi giorni le agenzie di stampa e i giornali stanno diffondendo stralci degli atti e delle intercettazioni telefoniche, che sembrano confermare i sospetti degli inquirenti sull’utilizzo dei fondi dati al partito per finanziare alcune spese della famiglia di Umberto Bossi. Il leader della Lega Nord e gli altri esponenti del partito non risultano essere indagati.

Tanzania
Il Corriere della Sera di oggi pubblica diversi estratti delle intercettazioni eseguite dai carabinieri per la Procura di Napoli nel mese di febbraio. L’ex tesoriere della Lega Nord, Francesco Belsito, è al telefono con Nadia Dagrada, un’impiegata amministrativa del partito, e si sfoga per come stanno andando le cose. All’epoca Belsito aveva da poco ricevuto una convocazione da Umberto Bossi a Roma per discutere degli investimenti della Lega Nord in Tanzania molto discussi sui giornali di quei giorni. Belsito temeva di perdere il proprio incarico. In quell’occasione, scrivono sul Corriere Luigi Ferrarella e Giuseppe Castella, Dagrada consigliò all’allora tesoriere come comportarsi:

Gli dici (a Bossi, ndr): capo, guarda che è meglio sia ben chiaro: se queste persone mettono mano ai conti del Federale, vedono quelle che sono le spese di tua moglie, dei tuoi figli, e a questo punto salta la Lega […]. Papale papale glielo devi dire: ragazzi, forse non avete capito che, se io parlo, voi finite in manette e con i forconi appesi alla Lega.

Il denaro
Belsito è accusato di aver usato i fondi dei rimborsi elettorali, il denaro pubblico che viene elargito ai partiti sulla base dei risultati delle elezioni, per scopi diversi da quelli di finanziamento della Lega Nord. In una telefonata del 26 febbraio, l’allora tesoriere ne parla con Dagrada e i carabinieri ne fanno un riassunto, ripreso sempre dal Corriere di oggi.

L’elenco comprende:

- “i costi di tre lauree pagate con i soldi della Lega”;
- “i soldi per il diploma (Renzo Bossi)”
- “i 670.000 euro per il 2011 e Nadia dice che non ha giustificativi, oltre ad altre somme ingenti per gli altri anni”;
- “le autovetture affittate per Riccardo Bossi, tra cui una Porsche”;
- “i costi per pagare i decreti ingiuntivi di Riccardo Bossi”;
- “le fatture pagate per l’avvocato di Riccardo Bossi”;
- “altre spese pagate anche ai tempi del precedente tesoriere Balocchi”;
- “una casa in affitto pagata a Brescia”;
- “i 300.000 euro destinati alla scuola Bosina di Varese per Manuela Marrone (moglie di Bossi, ndr), che Belsito non sa come giustificare, presi nel 2011 per fare loro un mutuo che lui ha da parte in una cassetta di sicurezza”.

Vengono anche menzionate ulteriori spese da chiarire in altre telefonate, sempre intercettate dai carabinieri di Napoli. Si parla di “costi liquidi dei ragazzi di Renzo”, forse la sua scorta, che secondo Belsito ammontano a 151mila euro, ma che secondo Dagrada sono almeno 251mila senza contare gli alberghi “che non ti riesco a scindere quando girano con lui, mi entrano nel cumulo e riprendere tutte le fatture è impossibile”. Nelle telefonate si parla anche della ristrutturazione della casa di Gemonio di Umberto Bossi, che pare fosse stata eseguita con fondi del partito (versione respinta dal leader della Lega). Belsito al telefono minimizza, dicendo che si tratta di 5-6mila euro.

Rosy Mauro
Belsito con Dagrada parlava anche di Rosy Mauro, considerata uno dei più fedeli consiglieri di Umberto Bossi, vice presidente del Senato e fondatrice del SIN.PA, il Sindacato Padano. L’allora tesoriere temeva che Mauro fosse tra coloro che lo volevano fuori dalla gestione delle finanze del partito, e ricordava: “Sai quanto gli ho dato l’altro giorno alla nera? Quasi 29mila, 29.142 in franchi eh… vuoi che ti dica tutti gli altri prima?” Secondo gli inquirenti, Belsito stava facendo riferimento ad “altre somme che le dà mensilmente” che si aggiungevano agli almeno 200mila euro che l’ex tesoriere avrebbe dato per il SIN.PA.

Dagrada ricorda a Belsito che Mauro non può fare nulla contro di lui e gli consiglia di spiegarsi così con il vicepresidente del Senato:

Se apro bocca io, il capo salta e se salta il capo tu sei morta… Perché se lei non c’ha il capo a difenderla, lei domani è in mezzo a una strada, e non è detto con le gambe intere.

1 2 3 Pagina successiva »