statuto_pd

Le legislature dei parlamentari del PD

Se fosse applicato il limite dei tre mandati imposto dallo Statuto, si libererebbero parecchi posti eccellenti

statuto_pd

Da qualche settimana viene promosso dentro il Partito Democratico un dibattito sul limite dei tre mandati per i parlamentari eletti col partito, imposto dallo Statuto all’articolo 22 ma non rispettato. Alla vigilia della recente Assemblea Nazionale dove hanno portato il tema all’attenzione dei delegati, ne hanno scritto diffusamente tra gli altri Paolo Cosseddu e Pippo Civati:

«Non è ricandidabile da parte del Partito Democratico per la carica di componente del Parlamento nazionale ed europeo chi ha ricoperto detta carica per la durata di tre mandati».
(Statuto del Partito Democratico, Articolo 22 – comma 2)
Il nostro Statuto rappresenta per il Partito Democratico ciò che la Costituzione è per il Paese: un documento fondativo che è stato scritto e sottoscritto da tutti noi con lo scopo di racchiudere i nostri valori e garantire regole democratiche valide per ogni suo iscritto. Per questo, di fronte agli scenari incerti che si sono aperti in questi mesi, Costituzione e Statuto rappresentano le uniche due possibili bussole in grado di orientare l’attività del Pd, la prima nei confronti del Paese e la seconda al suo interno. E’ quindi con grande sconcerto che assistiamo al ripetersi di divisioni e personalismi i quali, nel migliore dei casi, piegano le regole a seconda delle convenienze, ma più spesso le ignorano del tutto. Sentendo le tesi che animano il dibattito viene da chiedersi: il rispetto per lo Statuto vale soltanto per alcuni articoli (vedi la questione del Segretario come solo possibile candidato premier) o per tutti?
Quello stesso Statuto dice anche, infatti, che «non è ricandidabile da parte del Partito Democratico per la carica di componente del Parlamento nazionale ed europeo chi ha ricoperto detta carica per la durata di tre mandati»(articolo 22, comma 2). La presenza di questo concetto nel nostro documento fondativo non è casuale, serve a garantire il ricambio delle classi dirigenti e se venisse ignorato non farebbe che delegittimare il partito stesso e le sue regole. Invece, fino a questo momento, il Partito Democratico è sembrato esser fatto più di deroghe che di regole, ed è per questo che non sono più giustificabili le troppe eccezioni ad personam, né è proponibile la scappatoia per cui i mandati – che debbono essere tre in tutto, e non tre per ogni carica a cui si accede – andrebbero contati a partire dall’anno di fondazione del Pd.

L’applicazione dell’articolo dello Statuto è stata finora elusa dal Partito Democratico, o con argomenti logicamente implausibili – “tre mandati sono quindici anni”, dice arditamente qualcuno – o con la semplice indifferenza o con il ricorso alla validità di alcune deroghe previste dallo Statuto e interpretate in forma assai estensiva. Così, qualcuno si è messo a fare i conti di quanti siano i parlamentari del PD in condizioni di violazione dello Statuto. Il blog Metilparaben ha esaminato i margini di deroga previsti e aiutandosi con i conti fatti dal PD Nuovo percorso di Padova sono arrivati a uno schema illuminante.

1 2 Pagina successiva »
Mostra commenti ( )