wired

Il web è morto, dice Wired

Il nostro modo di utilizzare internet è cambiato, scrive Anderson, e facciamo sempre più a meno del web

Secondo Wolff le responsabilità sono più degli investitori, che da anni puntano solo su siti di grandi dimensioni

wired

Il numero dell’edizione americana di Wired di questo mese porta sulla copertina un’asserzione impegnativa e definitiva: il web è morto. La tesi muove da un dato che si trova riassunto nel grafico qui sotto: da dieci anni a questa parte la percentuale di banda impegnata dalla navigazione su internet è crollata, mentre è di molto aumentata quella utilizzata dalla fruizione di video, dai programmi per la condivisione di file, da tutte le altre cose che non sono il web.

La tesi è particolarmente ardita, e il grafico di Wired non è così eloquente: basti osservare alla curiosa decisione di separare il traffico generato dai video da quello delle pagine internet, quando in realtà quei video sono parte integrante di quelle pagine e del web. BoingBoing fornisce dei dati che dicono tutt’altra cosa: il traffico sul web è passato da 10 terabyte al mese nel 1995 a un milione di terabyte nel 2006. Insomma: gode di ottima salute.

Quindi il nostro suggerimento è lasciare perdere il titolo dell’articolo di Wired e la sua tesi, ma leggere comunque con attenzione le varie voci che discutono del tema sul mensile statunitense: dicono molto di come sta cambiando internet e il nostro modo di utilizzarla e abitarla.

Wired propone innanzitutto due punti di vista differenti sul tema, uno firmato dal direttore Chris Anderson e l’altro firmato da Michael Wolff, editorialista di Vanity Fair e fondatore di Newser. Non si dividono sul tema della presunta morte del web, bensì sulle sue cause e su chi ne ha le colpe. Chris Anderson sostiene, in breve, che la colpa è nostra.

Ti svegli e controlli la posta sull’iPad, con un’applicazione. Mentre fai colazione ti fai un giro su Facebook, su Twitter e sul New York Times, e sono altre tre applicazioni. Mentre vai in ufficio, ascolti un podcast dal tuo smartphone. Un’altra applicazione. Al lavoro, leggi i feed RSS e parli con i tuoi contatti su Skype. Altre applicazioni. Alla fine della giornata, quando sei di nuovo a casa, ascolti musica su Pandora, giochi con la Xbox, guardi un film in streaming su Netflix. Hai passato l’intera giornata su internet, ma non sul web. E non sei il solo.

È una distinzione cruciale, dice Anderson, secondo cui una delle più importante svolte nel mondo digitale è stata proprio quella dal mondo spalancato del web a piattaforme chiuse o semi chiuse che usano internet soltanto come mezzo per trasportare i dati. C’entra l’ascesa dell’iPhone, ma c’entra soprattutto il fatto che questo genere di piattaforme sono più semplici da usare e si adattano meglio alle vite e alle abitudini delle persone.

E in realtà, a pensarci bene, perché non dovrebbe essere così? Perché l’ascesa e il predominio del web dovrebbero essere eterni e impossibili da mettere in discussione? Anderson scrive che già nel 1997 Wired scrisse che la tecnologia push – che permette di far arrivare i dati direttamente a te, senza costringere ad andare te da loro – avrebbe messo fine ai browser: in realtà questo argomento potrebbe essere usato contro Wired, visto che i browser sono ancora vivi e in piena salute. Ma Anderson rivendica che è adesso che quella profezia si sta avverando: continueremo ad avere pagine internet, così come oggi continuiamo ad avere cartoline e telegrammi. Ma il centro dei media interattivi non sarà più basato sul linguaggio HTML, per farla breve.

Michael Wolff racconta un’altra storia. Racconta dei venture capitalists, i soggetti che investono il loro denaro in molti piccoli e innovativi progetti nella speranza che qualcuno di questi faccia il botto e li ripaghi di tutti i soldi spesi – e con gli interessi. Il loro stesso comportamento è un po’ il ritratto del web: molto orizzontale, poco profondo. Ultimamente però la tendenza si è invertita. I grossi finanziatori e gruppi d’interesse puntano su meno soggetti e di maggiori dimensioni. Un modello strategico del tutto diverso: invece che puntare su venti social network, per fare un esempio, puntare solo su Facebook. Che è un sito internet, ma con i suoi 500 milioni di utenti è molto più di un sito internet. Secondo un rapporto della società di analisi Compete, i primi dieci siti più visitati negli Stati Uniti producevano il 31 per cento el traffico totale nel 2001, il 40 per cento nel 2006, il 75 per cento nel 2010. I grandi stanno prosciugando i piccoli.

Se stiamo abbandonando la logica del web aperto e orizzontale, è almeno in parte per l’ascesa degli uomini d’affari, che pensano quasi esclusivamente in termini di tutto o niente: molto più simili alle logiche verticali dei media tradizionali piuttosto che a quelle utopiche e collettivistiche del web. Si tratta del risultato di un’idea ben precisa, che rigetta l’etica del web, la sua tecnologia e i suoi modelli di business.

Wired propone anche un lungo scambio di email tra il direttore Chris Anderson e due esperti di web 2.0. Gizmodo ha già commentato la tesi di Wired, la stessa cosa ha fatto Techcrunch: entrambi con qualche perplessità. Parliamone, insomma.

Mostra commenti ( )